ANDRETTAWEB — blog libero e indipendente…..nei limiti del possibile..

Rifiuti – Dall’Ateneo di Sassari l’allarme: “Pero Spaccone inidonea”

Posted by mido59 su 6 giugno 2008

                        L’individuazione dei sito di Pero Spaccone per il superamento dell’emergenza rifiuti continua a far discutere. Questa volta a lanciare l’allarme sui rischi di impatto ambientale del provvedimento extraterritoriale è Egidio Miele, professore ordinario di Farmacologia alla Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Sassari. In particolare, nel suo esame, punta l’attenzione sui rischi connessi alla  vicinanza della discarica che verrà con l’oasi WWF del lago di Conza ed il torrente Sarda e sulla vocazione intrinseca della porzione di territorio interessata.

Nella nota inoltrata il professor Miele infatti evidenzia:

1)      a 10 km in linea d’aria dall’oasi WWF si trova Pero Spaccone, a circa 870 m/lm, indicato nel   recente DL 120 del 23-05-2008 come uno dei 10 siti destinati a discarica. In particolare, a Pero Spaccone dovrebbe essere impiantata una megadiscarica regionale (come da ordinanza del 4 ottobre 2004 dell’allora commissario Catenacci) destinata ad accogliere rifiuti industriali e tossici (come comunicato verbalmente dal commissario De Gennaro alla Presidente della Provincia De Simone in data 17-04-2008);

2)      Pero Spaccone dista circa 900 metri dal torrente Sarda, che si trova ad ovest ad un livello di 736 m/lm (quindi, circa 135 metri di dislivello per una distanza  di 900 mt.). Le acque del torrente Sarda arrivano (dopo appunto un percorso di poco più di 10 km) direttamente nel lago di Conza;

3)      la zona di Pero Spaccone è notoriamente un bacino imbrifero (ne fanno testo i numerosi pozzi e fontane che costellano la zona), il cui deflusso alimenta il lago di Conza. In pratica, la discarica verrebbe ad essere impiantata su di una displuviale ad un livello di circa 900 metri. I geologi hanno affermato che il suolo argilloso di Pero Spaccone è ideale per impiantare una discarica, in quanto questa sarebbe naturalmente impermeabilizzata. Quindi, non sussisterebbe pericolo di inquinamento per l’oasi WWF del lago di Conza. Avrei qualche dubbio in proposito. Primo, perchè alcune sostanze tossiche per la loro stessa natura chimica possono comportarsi come le talpe, e la distanza da percorrere per arrivare al torrente Sarda e’ veramente esigua. Secondo, perchè il suolo non è sempre argilloso, ma ci sono banchi di arenaria e zone sabbiose piuttosto che argillose (queste si vedono ad occhio nudo). Terzo, perchè la natura altamente sismica della zona (Conza ne sa qualcosa) pone seri dubbi sulla durata biblica dell’impermeabilità della discarica, che si troverà in pratica a galleggiare sull’acqua.

4)      Pero Spaccone, la cui estensione e’ di circa 2.3 Kmq, attualmente “ospita “ un impianto eolico, con una densità media di 7 generatori per Kmq (tralasciando i tralicci dell’elettrodotto AT). Forse vi sorgerà il prototipo di megadiscarica pensile;

5)      Pero Spaccone è situato all’estremo sud dell’altopiano del Formicoso, che è considerato la zona  più ventosa d’Europa. L’altopiano è stato per almeno un secolo il granaio dell’Irpinia, ed ovviamente lo è ancora oggi.

In conclusione, le naturali “destinazione d’uso” di Pero Spaccone, cioè sfruttamento dell’energia eolica per produrre energia elettrica pulita e produzione di grano oggi tanto prezioso, nonché il fatto di sovrastare l’oasi WWF del lago di Conza, non sono a quanto pare da considerare come controindicazioni, ma piuttosto fattori preferenziali per l’impianto di una megadiscarica per rifiuti industriali e tossici!

 

Prof. Egidio Miele

Professore ordinario di Farmacologia  alla Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Sassari

 

2 Risposte to “Rifiuti – Dall’Ateneo di Sassari l’allarme: “Pero Spaccone inidonea””

  1. Egidio Miele- Andretaa- Via Solimine said

    Piuì che commentare il mio stesso articolo, vorrei aggiungere che a Sassari e’ stata chiusa la discarica di Calancoi (alla periferia est della città) per una motivazione molto piu’ semplice di tutte quelle addotte per Pero Spaccone, cioe’ percheì la discarica sovrastava il bacino del Bidighinzu. Spero di essere quanro prima più esauriente nel merito.

  2. nicola said

    Sono Nicola.
    Abito a 200 metri da Pero Spaccone e lavoro nella societa’ che gestisce i Parchi Eolici presenti. Sono nato qui e sinceramente stiamo vivendo una violenza inaudita.
    Concordo in pieno le sue valutazioni riguardo la presenza di acqua ed energie rinnovabili.
    In questi giorni sono arrivate le comunicazioni di espropri dei terreni e cosa piu brutta si e’ scoperto che il progetto e’ stato modificato,avvicinando il grande buco di 800 mt al paese (forse per non piazzare la discarica in mezzo alle turbine e fare una figuraccia a livello Europeo). perche’???? che violenza!!!!!

    saluti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: