ANDRETTAWEB — blog libero e indipendente…..nei limiti del possibile..

LA PRESA DEL FORMICOSO

Posted by mido59 su 1 ottobre 2008

“Io ti amo mia terra, mia povera terra, il mio cuore è fatto del tuo cuore e non v’è giorno ch’io non pensi a te, ai luoghi delle mie prime gioie ed anche dei primi dolori”. Così parla della sua terra Pasquale Stiso – mio concittadino, politico, ex sindaco, poeta e scrittore – nell’opera “Terre di Alta Irpinia” che Pasquale Gallicchio stamattina ha riportato sulle pagine del Corriere Irpinia.

A commentare i fatti penso siano sufficienti le foto che ho allegato, di mio voglio solo metterci il rapporto succinto dei vari fatti che si sono susseguiti a partire dalla serata di domenica 28 settembre 2008.

·        Domenica 28 settembre 2008 – ore 19,30: pubblica assemblea per riferire alla popolazione dell’arrivo, nella serata di sabato 27, di una nuova ordinanza da parte del sottosegretario Bertolaso, in cui si notifica ai proprietari dei terreni, “l’occupazione temporanea, per la durata di sei mesi, salvo proroga o anticipata restituzione, dell’area ubicata nel comune di Andretta (AV), individuata dalle particelle catastali e dalla planimetria allegate al presente provvedimento per costituirne parte integrante” (ordinanza n° 0013989 del 26/09/2008). In pratica altri 30 ettari circa si sommano ai 35 ettari già requisiti con la precedente ordinanza che ho già pubblicato sul blog il 31 luglio 2008 con titolo: Andretta-Formicoso-Planimetria e particelle catastali dell’area scelta per la discarica. Con l’ultimo provvedimento sono occupati dallo stato i seguenti terreni: comune di Andretta foglio di mappa n° 8 particelle 7-8-18-19-20-21-22-23-24-25-26-31-32-33-34-35-36-37-38-39-224-232-233-234-252-253-254-255-266-301-302-390. Mentre si discute di tutto questo, arriva al sindaco una telefonata in cui (per la presenza di una colonna di mezzi militari visti sull’autostrada NA-BA) si sospetta l’arrivo imminente dell’esercito per l’occupazione delle terre del Formicoso. La riunione si chiude a tarda notte con l’istituzione di un servizio volontario per un presidio, per il controllo delle varie strade di accesso al paese e per segnalare ai cittadini, con il suono delle campane e con i megafoni sistemati sulle macchine, l’eventuale verificarsi della sciagura da tutti scongiurata.

·        Alle 3,00 circa, gli sms che arrivano, le campane, e gli annunci gracchianti e irreali che si sentono per le strade del paese, cancellano di colpo tutte le speranze e guidano la popolazione a raggiungere, come sonnambuli, i luoghi dove arriveranno i militari.

·        Alle 4,00 un serpente di luci spunta in località “La Toppa” e ci conferma che tra pochi minuti tutto si compirà. Da lontano conto le luci che compongono la carovana e mi fermo a 41.

·        Alle 4,30 il sindaco di Andretta Caruso e quello di Bisaccia Arminio, insieme con amministratori e cittadini (in verità non molti) dei due comuni formano un muro umano che dovrebbe ostacolare l’avanzata dei militari. Il luogo (dove la via Nazionale incrocia la strada provinciale che arriva dal paese attraversando contrada Arenara) è lo stesso dove già negli anni 1994 e 1999 ci sono stati scontri con forze dell’ordine nei due tentativi precedenti.

·        I camion si fermano a circa trecento metri dalla gente e scendono gli invasori indossando l’equipaggiamento antisommossa e disponendosi a muro con manganelli e scudi (vedi foto). Questo fa salire ancora di più la tensione e il sindaco Caruso cerca di prender tempo che viene concesso solo dopo estenuanti trattative con il vice questore.

·        Fino alle 5,30 il mio primo cittadino cerca, inutilmente, di mettersi in contatto con il gen. Giannini vice del sottosegretario Bertolaso e con la Prefettura, per chiedere spiegazioni di quest’accelerazione illogica e immotivata degli eventi, per giunta in contrasto con quanto concordato in precedenza. A questo punto, come già anticipato dal vice questore, nel medesimo luogo “La Toppa” ricompare la scia luminosa (o rosario di lampeggianti come dice Gallicchio) e per tutti è chiaro che sta arrivando il secondo contingente. Di nuovo la conta, di nuovo arrivo a 40. E siamo arrivati a 80 (ottanta) mezzi militari, forse qualche buontempone nello staff di Bertolaso ha scambiato, per scherzo, i nomi dei comuni dell’Alta Irpinia con quelli della provincia casertana, dove c’è la massima concentrazione di criminalità.

·        Dalla nostra postazione, più in alto, riusciamo a vedere interamente la colonna militare che si estende per circa seicento metri.

·        Ancora a discutere, a trattare, s’improvvisa un consiglio comunale congiunto Andretta-Bisaccia, con la speranza di tenere a freno l’esercito ancora per un po’, senza però intravvedere una via d’uscita: si procede a vista.

·        Intorno alle 7,00 la trattativa non da più risultati, i militari intimano la rimozione dei tavoli del consiglio per permettere ai camion di passare; e pian piano con rassegnazione la folla si apre e i mezzi iniziano a transitare con piccole soste provocate da qualche segno d’insofferenza isolata.

·        Alle 9,30/10,00 inizia la recinzione di tutta l’area con filo spinato, creando un’atmosfera irreale dovuta forse alla macabra analogia con un campo di concentramento.

A questo punto termina la cronaca spicciola degli eventi che hanno caratterizzato questa giornata che sarà forse fondamentale per la storia prossima e futura del nostro paese e dell’Alta Irpinia tutta.  Credo siano superflue altre considerazioni, commenti, opinioni ecc., ognuno potrà farlo guardando attentamente le foto che spiegano esaurientemente ciò che è successo.

Michele D’Onghia

       

   
   
    
   
     
               
   
    

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: