ANDRETTAWEB — blog libero e indipendente…..nei limiti del possibile..

La replica di D’Onghia al VOMITO di Caruso

Posted by mido59 su 6 giugno 2009

Immagine rettificata

Pubblico il discorso che avevo preparato per replicare, nella serata conclusiva, ai vomiti, alle ingiurie di Caruso, candidato sindaco avversario.  Per la ristrettezza del tempo a disposizione, ho accettato di rinunciare al mio intervento per permettere al mio candidato sindaco, Giuseppe Guglielmo,  una replica adeguata ed esauriente  su  tutte questioni che  riguardano l’intera cittadinanza.

Per la seconda volta, dal candidato Michele D’Onghia,

un saluto a tutti, in questa campagna elettorale. 

Sarei voluto salire per la seconda volta, su questo palco, per esporre una mia idea-proposta riguardante gli indirizzi da imprimere agli sviluppi e usi futuri della strada di collegamento Andretta-Calitri, per trasformarla nel tassello di una futura crescita che vedrebbe coinvolti i due paesi.   Mi tocca, mio malgrado, parlare d’altro.

“A chi sul blog, personale, su Internet, scrive del fallimento di un anno e mezzo di amministrazione Caruso, farebbe bene a parlare del proprio fallimento economico e sociale perchè il nome di Angelantonio Caruso e dei suoi candidati consiglieri, non è mai comparso negli elenchi del tribunale fallimentare di Sant’Angelo dei Lombardi”.

Ecco, questo è quanto Caruso, candidato sindaco avversario, ha detto, nei miei riguardi, durante la penultima  uscita su questa piazza, inoltre l’articolo sul blog a cui si riferisce è quello immediatamente precedente a questo, con titolo “Elezioni 2009 – Progetto per Andretta”; lo stesso articolo è apparso anche sul quotidiano locale CORRIERE Irpinia,  sul giornale on line www.IRPINIANEWS.IT e su www.IRPINIANELMONDO.IT

C’è un modo di dire andrettese che ti calza a pennello:

“NUN  PUOI  A  MUZZICHI  E  T’  UOTI  A  RANGICHI”

 Se non sai usare il blog, se non sai aprire le pagine e leggere, usando correttamente i punti e le virgole,…io non posso farci niente, non te la puoi prendere con me,…non puoi accusarmi di essere offensivo nell’articolo che hai menzionato. Questo è un articolo politico che non può offendere la tua sfera personale poiché tratta solo di vita  amministrativa. L’aspetto più sorprendente è che non sai leggere  perché  altrimenti  avresti  visto che l’articolo non è neanche scritto da me, infatti, scorrendolo trovi,… in fondo a tutto, autore e qualifica.

Poi sottolinei il carattere ”personale” del blog, questo, in effetti, corrisponde a verità essendo io l’amministratore, però non dici, da disonesto, che quando ti ha fatto comodo, non hai esitato a servirtene anche tu, inviandomi i tuoi commenti tramite qualche amico comune (Gerardo Del Guercio). Commenti che io, per onestà intellettuale, ho pubblicato, anche non condividendoli perché li consideravo solo tuoi tentativi di strumentalizzare, a fini elettorali, ogni minima foglia mossa in materia di discarica. (vedi il commento all’intervista del gen. Giannini.) 

Forse non gradirai molto quello che sto per dirti, ma non posso evitare di far conoscere la verità sulle cose che tu stesso hai tirato in ballo.

La Irplast  snc di D’Onghia Michele &C, nata nel 1984, a tutt’oggi risulta ancora regolarmente iscritta nei registri della Camera di Commercio di Avellino. A tutt’oggi, non ha avuto e non ha in corso alcun procedimento fallimentare, né di concordato preventivo, né di amministrazione controllata, né ancora qualsiasi altro procedimento che la tua fantasia malata e distorta possa partorire. Ho interrotto l’attività solo perché costretto dalla particolare congiuntura negativa che interessava e interessa tuttora il settore tessile sia in Italia sia in Europa. La globalizzazione – che tu avrai, forse, solo letto sui giornali – io l’ho vissuta in prima persona e sulla mia pelle, e già con l’entrata in Europa della Bulgaria e della Romania, gli appendini, per intenderci le stampelle, che io producevo, arrivavano in Italia con un prezzo di vendita al pubblico, addirittura inferiore al mio costo di produzione. Ciò ha determinato, senza possibilità di replica, due possibili soluzioni: spostarsi in questi paesi europei per produrre a un prezzo inferiore oppure chiudere. La prima soluzione richiedeva ingenti capitali che io non avevo, così, ho dovuto scegliere l’altra soluzione.

Questo è ciò di cui tu parli, anzi, vomiti, senza averne la più pallida idea e senza nemmeno avere l’accortezza di verificare le notizie che qualche candidato o familiare di candidato ti ha suggerito.

Puoi vantare un primato che hai conquistato in questa campagna elettorale 2009: sei stato il primo candidato a macchiare quel clima di civiltà che aveva caratterizzato i comizi di ambedue le liste, mantenendo gli interventi a un livello superiore di confronto sui programmi e sulle idee.  Se pensavi di provocare, di far scendere al tuo livello il tenore degli argomenti e delle proposte in gioco, allora, puoi capirlo da solo che questo tuo proposito non è riuscito. Da tutto ciò è emerso solo il tuo scarso equilibrio umorale, la tua ridotta capacità di analisi della realtà economica e sociale andrettese e l’assenza di proposte concrete e realizzabili, percorrendo, invece, solo la via dell’offesa personale

Hai definito il mio intervento elettrico, anzi elettrizzante.

Le cose che non capisci ti provocano un brutto effetto, fanno emergere la natura più profonda della tua personalità. 

Personalmente  sarebbero potute bastare anche solo le scuse ricevute da più di uno, tra i vicinissimi a te. Io e tutti gli altri candidati  non possiamo, però, sottrarci all’obbligo morale, di lottare e impegnarci al massimo per non permettere che, il nostro paese, in un momento così delicato quale i prossimi 5 anni – in cui saranno fatte delle scelte decisive in materia di sviluppo economico, destinazione del Polo Logistico Distretto Tessile, assegnazione lotti area PIP, formazione e indotto riguardante le energie rinnovabili, ecc…- Andretta sia amministrata da chi ha mostrato e continua a mostare di avere poca sensibilità e  poco interesse per lo sviluppo del nostro paese.

 

Devo scusarmi per alcune considerazioni fatte nel mio precedente intervento, quando vi ho detto che siete arrivati già alla frutta, effettivamente avevo valutato male, il vostro candidato sindaco mi ha fatto capire, con la sua reazione, che, ormai, avete anche preso già il caffè, pagato il conto e avete preso la strada di casa.

Rinnovo la prima richiesta di fiducia, per me e per la nostra lista 

La  n° 2   PROGETTO  PER   ANDRETTA 

vi saluto e passo la parola al futuro 

SINDACO   GIUSEPPE  GUGLIELMO

 

                                                                             michele D’Onghia

 

———-ooo———-

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: